GLI ETERNI: la recensione di Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone

Chloé Zhao è la regista vincitrice del premio Oscar per Nomadland, è quindi inutile dire quanto le aspettative fossero alte per questo nuovo progetto Marvel di cui la Zao era stata designata regista. Peccato che, in poche parole di Antonio Gazzanti Pugliese: il film sia guardabile ma alla fine non memorabile. 

Questo è il primo blockbuster di supereroi Marvel diretto da qualcuno che ha appena vinto un Oscar per aver realizzato un dramma naturalistico sulle difficoltà economiche tra gli over 60. La direzione di Eternals a firma di Chloé Zhao, va ricordata a parole perché su pellicola non si vede, anche se qui e là è possibile trovare deboli echi del suo lavoro precedente da brivido. Ci sono la passione per i paesaggi magnifici e aspri, e le formazioni rocciose. Eternals è più serio nel tono e più deliberato nel suo ritmo rispetto a un film Marvel medio: non ci sono le solite battute né camei di altri supereroi. Ma chi si aspettava di trovare l’estrema umanità e originalità degli altri film della Zhao, resterà deluso.

Le scene iniziali suggeriscono che ci aspetta qualcosa di molto più strabiliante di quello che otteniamo. Alcune didascalie, una canzone dei Pink Floyd e alcune immagini del 2001 introducono gli Eterni, 10 alieni superpotenti dell’Olimpo. Sono stati inviati nella nostra galassia in una lastra triangolare che è l’astronave dai Celestiali, una razza di giganti che esiste dall’alba dei tempi. Dopo un ingresso impressionante, torniamo sulla terra. In tutti i sensi. Il compito degli Eterni sul nostro pianeta è quello di uccidere altri alieni: i Deviants, che sembrano coccodrilli fatti di corda dalle persone che hanno creato il burattino per War Horse. Fino dal 5000 aC, scopriamo, gli Eterni si aggirano furtivamente per la Terra e molti dei nostri miti e leggende sono stati ispirati alle loro imprese.

L’Eterno che ha più da fare si chiama Sersi ed è impersonato da Gemma Chan, una scienziata dal cuore tenero che può trasformare oggetti solidi in polvere. Il leader è Ajak (Salma Hayek), che può guarire qualsiasi ferita. Ikaris (Richard Madden) può volare e sparare laser (o qualcosa del genere) dai suoi occhi: qualcuno potrebbe comprensibilmente confonderlo con Superman. Poi c’è Thena (Angelina Jolie), una cupa guerriera i cui attacchi di follia omicida non aggiungono purtroppo nulla alla narrazione generale. E, infine, Kingo (Kumail Nanjiani) che spara laser dalle dita: una storia triste, questa, perché il suo attore si è sottoposto a un regime intensivo di body building in previsione del film, ma senza che venisse messa a schermo neanche una scena a petto nudo. Una perdita di tempo e di fatica, specifica Antonio Gazzanti Pugliese.

Si aggiungono ai personaggi il cupissimo Druig (Barry Keoghan), che dichiara che userà i suoi poteri di controllo mentale per impedire agli umani di entrare in guerra tra loro, ma poi ammette di non essere mai riuscito a farlo. C’è Sprite (Lia McHugh) che può proiettare ologrammi e che è bloccata per sempre nel corpo di un bambino, proprio come il personaggio di Kirsten Dunst in Intervista col vampiro. C’è Phastos (Brian Tyree Henry), un meccanico esperto e il primo supereroe apertamente gay nel Marvel Cinematic Universe. C’è Makkari (Lauren Ridloff) che è sorda e che può correre a velocità che rivaleggiano con Sonic. E c’è Gilgamesh (Don Lee) che, beh, può prendere a pugni le cose. Forte.

Viene da ammettere serenamente che assumere una scrittrice-regista specializzata in drammi silenziosi e simili a documentari per uno spettacolo d’azione su semidei interstellari potrebbe non essere stata la scelta più saggia.

I punteggi elevati che mi sento di dare agli Eterni, continua Antonio Gazzanti Pugliese, riguardano più che altro cose accessorie: la diversità di genere, etnica e sessuale, è altamente rappresentata ma ancora poco memorabile. Ogni volta che vedo questi spettacoli sullo schermo mi viene in mente un’intervista di George R.R. Martin (autore di Game of Thrones) a cui chiesero come faceva a descrivere così bene l’animo femminile essendo un uomo. E Martin rispose: “Beh, sa, non è così difficile, le donne sono esseri umani”. E mi sembra che si perda troppo tempo a fare contenuti visuali “paritari” a tutti i costi, e molto meno a sviluppare la profondità di questi personaggi che, alla fine, “sono esseri umani”. Gli uni come gli altri.

Negli Eternals l’inclusività forma un gruppo disegnato in modo approssimativo e fondamentalmente scialbo, tanto che può essere difficile ricordare chi sono i buoni e chi i cattivi. Di diritto, questa super-soap opera avrebbe dovuto avere la sua serie in 20 episodi su Disney+. In un film, la trama è così sovrappopolata che un Eternal si trova ad annunciare, poco prima della battaglia culminante, che non vuole essere coinvolto, e se ne va, lasciandoci a chiederci perché esattamente abbiamo trascorso l’ultima ora a uscire con lui.

È possibile che alcuni attori più magnetici possano aver aiutato, ma per la prima volta, l’occhio acuto della Marvel per il casting è andato storto. Non appena Robert Downey Jr è stato visto come Iron Man e Chris Hemsworth come Thor, è diventato quasi impossibile immaginare qualcun altro in quei ruoli. Il cast così così degli Eterni non presenta questa sfida. Madden può sembrare adeguatamente simile a un dio quando posa in un deserto e strizza gli occhi all’orizzonte, ma lui – come molti altri membri chiave del cast – non ha le doti di recitazione e il carisma per convincerti che è una persona reale, per non parlare di un vero alieno sovrumano . Il personaggio più simpatico è Dane, il ragazzo umano, allegro e nerd di Sersi, interpretato da Kit Harington, ma è assente per la maggior parte del film, quindi l’argomento promettente di “cosa fai quando scopri che la tua ragazza è immortale” viene abbandonato dopo un paio di di scene dolcemente romantiche.

I Devianti hanno ancora meno personalità degli Eterni. Senza caratteristiche distintive e senza un’agenda che vada oltre alla voglia di staccare la testa alle persone, sono i più generici dei cattivi digitali schiavisti, quindi ogni volta che c’è una sequenza d’azione, è impossibile distinguerli o tenere traccia di quanti di loro siano a schermo.

La storia, comunque, è che gli Eterni credevano di aver spazzato via i Devianti circa 500 anni fa, quindi si sciolsero e si separarono. Ma ora i mostri stanno spuntando di nuovo. Per prima cosa, escono di nascosto da un canale di Londra – che è girato in un modo sorprendentemente lunatico e non turistico – e poi si presentano ovunque si trovino gli Eterni. Ikaris, Sersi e Sprite decidono di riunire la band. Viaggiano nel jet privato di Kingo – che ha passato il secolo precedente fingendo di essere generazioni successive di una dinastia di Bollywood – quindi è strano che i loro avversari bestiali e senza cervello riescano a girare il mondo allo stesso ritmo. Dio sa – o meglio, Arishem sa – come i Deviants possano arrivare così velocemente dal Regno Unito all’Australia, ma sembra che questo sia solo uno dei tanti aspetti del film che non sono stati ragionati abbastanza a fondo.

Ci sono alcune parti intelligenti, intendiamoci, specifica il notaio Antonio Gazzanti Pugliese. Le varie riunioni sono intervallate da flashback riccamente dettagliati ambientati in Mesopotamia, Babilonia e altri antichi luoghi di pura bellezza, e ci sono alcuni colpi di scena sorprendenti mentre gli Eterni discutono sullo scopo della loro missione sulla Terra.

Della serie di fumetti degli anni ’70 del grande Jack Kirby da cui è stata presa la storia, rimangono tracce del suo design visionario, ma Zhao e i suoi tre co-sceneggiatori lo hanno appesantito con un sacco di dialoghi rudimentali, un piano abbastanza sciocco – “Se possiamo assemblare il dispositivo X e collegarlo al dispositivo Y, allora possiamo sconfiggere il nemico Z” e una resa dei conti standard CGI-heavy per arrotondare le cose. Il risultato è ben guardabile, ma non memorabile diciamolo. Ma considerando che questa saga di fantascienza è diretta da Zhao e che la sua storia abbraccia la creazione dell’Universo e il destino del pianeta, sarebbe stato ragionevole aspettarsi che suscitasse stupore a bocca aperta piuttosto che il riluttante apprezzamento di un lavoro efficiente e a regola d’arte. Eternals potrebbe non essere il peggiore dei film Marvel, ma è senza dubbio il più deludente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.