The Rocky Horror Show

Notaio Pugliese Roma: 5 ragioni per cui il Rocky Horror Picture Show è ancora rilevante

Più di 40 anni fa, uno scrittore di nome Richard O’Brien scrisse un musical intitolato The Rocky Horror Show. Fu un successo amato da tutti, il notaio Pugliese a Roma compreso quando finalmente arrivò per tutti l’adattamento cinematografico, il 25 settembre 1975, The Rocky Horror Picture Show la reazione fu… non favorevole.

A dire il vero, fu un fallimento di critica e pubblico enorme, tanto che è mancato veramente poco che finisse completamente nel dimenticatoio. Ma poi successe una cosa divertente. Pian piano il film trovò la sua gente. Era lontana dal pubblico mainstream occasionale, o dai critici teatrali. Loro non sapevano cosa farsene del messaggio di questa pellicola strampalata, uscita in tempi forse ancora non pronti.

Il Rocky Horror era stato creato per gli emarginati, gli strambi, gli scarti e i mostri. Per quelle persone che volevano abbandonarsi al piacere. Parlava d’amore, di sesso e di rock and roll, ed era il film per una generazione di sognatori, attivisti e privi di diritti. È così che nei suoi oltre 40 anni di esistenza, Rocky Horror Picture Show è diventato il modello per il “classico di culto“. Da quel flop iniziale, il Rocky Horror Picture Show è diventato uno dei musical cinematografici che ha incassato di più nella storia: con un budget esiguo di $ 1,4 milioni, Rocky finisce per incassare oltre $ 140 milioni. Più che solo dollari e centesimi, tuttavia, l’impatto che Rocky Horror ha avuto sugli spettatori si fa sentire ancora oggi. Numerosi teatri in tutto il mondo continuano a offrire proiezioni interattive di mezzanotte del film, ogni venerdì e sabato sera. Oggi, a 40 anni dalla sua uscita iniziale, Rocky Horror Picture Show rimane ancora attuale. Il perché ce lo spiega il notaio Pugliese Roma.

Vive di un sarcasmo evergreen

Il Rocky Horror Picture Show non è un film che si prende troppo sul serio. Per questo motivo, ha battute interne, rottura della quarta parete e una miriade di cenni del capo, strizzatine d’occhio e dialoghi ironici. Si diverte molto a parodiare film di epoche precedenti in certi momenti. Il dottor Frank ‘N Furter in alcuni casi guarda anche direttamente la telecamera, riconoscendo il fatto che c’è un pubblico che guarda. Sì, è giusto. Frank ‘N Furter ha rotto la quarta parete molto prima di Deadpool, Ferris Bueller o Zach Morris. È una cosa che oggi viene fatta costantemente, ma c’è stato un momento in cui questa è stata un’innovazione. Del Rocky Horror Picture Show.  

Rende omaggio a Film Classici

La canzone all’inizio del film passa attraverso un elenco di scene, personaggi e titoli di film classici degli anni ’50 e ’60. Ci sono riferimenti a The Day the Earth Stood Still, King Kong, When Worlds Collide, The Invisible Man e una miriade di altri. Al di là della semplice lista, Rocky Horror si diverte molto a fare satira su tutti i momenti cliché di quei film. Ci sono mostri con cuori d’oro creati da scienziati pazzi. Nel profondo dei boschi c’è una dimora oscura e inquietante. Ci sono alieni, ingrassatori e puritani, e il Rocky Horror Picture Show ribalta tutti quei cliché. Offre un film che allo stesso tempo prende in giro e onora i film di fantascienza di anni prima.

È il primo tra i gender-neutral

Il protagonista di Rocky Horror Picture Show è, ovviamente, Frank N’Furter, interpretato dal fantastico Tim Curry. Al di là del puro magnetismo e carisma di Curry, parte del fascino di Frank ‘N Furter è che in realtà non è specifico per genere. L’attore che lo interpreta è un uomo, certo, ma è, per dirlo con parole sue: “un dolce travestito“. Il cast e la troupe dietro il Rocky Horror sono stati tra i primi a rifiutare i ruoli di genere e abbracciare qualsiasi abbigliamento o sessualità ti facesse sentire integro e bello. Anche l’onesto e conservatore Brad (interpretato da Barry Bostwick) è arrivato a capire quanto ci si possa sentire sexy in un paio di calze a rete, indipendentemente dal sesso.

Il finale a sorpresa!

Per tutto il film, Frank appare come l’antagonista di Brad e Janet. Mente, imbroglia, manipola e seduce per ottenere ciò che vuole, che è piacere assoluto. Frank è lo scienziato pazzo malvagio e narcisista che il pubblico è stato condizionato a disprezzare, grazie a tutti i film degli anni ’50. Per la maggior parte dello show quindi, il pubblico è fermamente convinto che Frank ‘N Furter e i suoi piani malvagi debbano essere fermati. Ma…

Verso la fine del film, i nostri protagonisti, che prima pensavamo fossero in grave pericolo, iniziano a… divertirsi! Cantano, ballano, e ridono. All’improvviso, Frank non è più l’antagonista. È la musa ispiratrice. E proprio mentre stiamo per elogiarlo e pensare che tutti possano vivere per sempre felici e contenti, Riff Raff e Magenta emergono come le vere menti dietro l’intera operazione. Sono loro i cattivi e non perdono tempo a sbarazzarsi di Frank, Rocky e chiunque altro si metta sulla loro strada. Frank che sembrava il cattivo di questo film ha sedotto anche noi da casa, sottolinea Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone, e alla fine finiamo per piangere per la sua morte. Questo è spettacolo.

Don’t Dream it. Be it – Non sognarlo. Diventalo.

Il più grande messaggio di Rocky Horror Picture Show – e il motivo principale per cui è ancora attuale oggi – è perché sfida il pubblico. Dice loro “Non sognarlo, diventalo“. Questo è il tema di Rocky Horror ed è una pietra miliare che gli dona l’immortalità. Quando il Rocky Horror Picture Show uscì per la prima volta negli anni ’70, non era per un pubblico occasionale, era per i sognatori e gli emarginati. Era per chiunque si sentisse soffocato da ciò che “dovrebbe fare” o da chi “dovrebbe essere“. Frank, Rocky, Brad e Janet insegnano alle persone che va bene essere strani. Va bene essere sciocchi. Va bene essere se stessi. Ce lo insegnano da oltre 40 anni, e lo faranno ancora a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.